Home >>> Accessori Moto >>> Linea Racing >>> Sgancio Rapido Comando Gas

SGANCIO RAPIDO COMANDO GAS

Lo sgancio rapido Accossato Racing riduce i tempi di sostituzione del comando gas, permettendo di sostituire l’intero comando Accossato con un altro uguale senza dover intervenire sul motore e senza dovere fare alcuna regolazione dei cavi.

Il dispositivo nasce per ridurre drasticamente il tempo di sostituzione di un comando acceleratore mono cavo o a due cavi. NATO pensando alle esigenze del mondo delle competizioni motociclistiche dove una eventuale rottura del comando (ad esempio in seguito a caduta) comporta la perdita di un turno di prove a causa del lungo e delicato lavoro di sostituzione dei cavi di rinvio.
Questo prodotto permette invece di sostituire l’intero comando al manubrio con un altro uguale senza dover intervenire sul motore e senza dover fare alcuna registrazione di tensione dei cavi.

Lo sdoppiatore è composto da due parti:

1) Lato acceleratore

2) Lato motore

Il Cliente potrà montare e registrare il dispositivo avendo cura di posizionare lo sdoppiatore in zona accessibile ma protetta dagli urti,con questo prodotto sostituire il prodotto in pista non è mai stato così semplice!

Lo sgancio rapido Accossato, riduce i tempi di sostituzione del comando gas, permettendo di sostituire l’intero comando gas con un altro uguale senza dover intervenire sul motore e senza dover fare alcuna regolazione dei cavi. Istruzioni registrazione sdoppiatore comando gas.

Istruzioni registrazione sdoppiatore comando gas.

Fig 1 e Fig 2 :
Le immagini sopra rappresentano il prodotto pre-assemblato.
Dopo aver posizionato il dispositivo sulla moto (scegliere un punto dove i cavi sono meno interessati da forti curvature e meno soggetti a variazione di piega conseguenti alla rotazione dello sterzo) è necessario da parte dell'utente effettuare il corretto tensionamento dei cavi.
Fig.3:
Sfilare le cuffie in gomma "A".L'immagine mostra il percorso corretto dei cavi con l'acceleratore chiuso(la manopola deve essere montata sul manubrio e ruotata in posizione di riposo fino a quando si arresta).La mancanza nella foto della carrucola lascia intravedere il foro di riferimento "B" che servirà per la fasatura .NB:durante tutta la fase di regolazione la manopola dovrà essere posizionata come descritto sopra.
Allentare il dado "F"(Fig 3) e avvitare il registro "E" in modo da allentare il tiro della relativa guaina.Ruotare la ghiera "H"(Fig 4) in senso antiorario in modo da tendere il cavo "L".Il foro "G" deve risultare allineato al foro "B" (Fig 3).Se necessario allentare il dado "D"e agire sul registro "C"(Fig 3)per ottimizzare l'allineamento.Provate adesso a ruotare nei due sensi la ghiera "H",noterete un certo gioco che dovrete ridurre al minimo svitando il registro"E"fino a tendere il cavo "M"(Fig 4).
Attenzione a non eccedere nel tiraggio per non compromettere la scorrevolezza dei cavi.Chiudere i dadi "F" e "D" e azionare più volte l'acceleratore ruotando lo sterzo a destra e sinistra.Il comando dovrà risultare sempre scorrevole.Chiudendo il gas il foro "G" deve risultare sempre allineato al foro "B"(verificare inserendo un perno diametro 1,8mm, es.una punta da trapano ).Riposizionare le cuffie "A".
Verificare che i cappucci "N"(Fig 4) siano inseriti perfettamente in battuta
Finita la registrazione se le guaine "P" (Fig 3) dovessero presentare lunghezze diverse al punto da compromettere la scorrevolezza è possibile agire sul fermo "Q"(Fig 5) dopo aver allentato il grano di sicurezza "R".Questo modificherà il punto di finecorsa della manopola.Svitando il fermo "Q" si otterrà l'allungamento del cavo "L" (Fig.4)e la riduzione del cavo "M".Avvitando il fermo l'effetto sarà contrario. É possibile avvitare o svitare il fermo al massimo 2 mm rispetto alla regolazione originale.Ovviamente si dovrà rieseguire la taratura dall'inizio per valutare la variazione di lunghezza delle guaine.
Le fig 6 e 7 mostrano la parte del dispositivo da collegare al corpo sfarfallato. Se avete richiesto il kit con cavi universali, troverete nell'imballo l'occorrente per adattarlo alla vostra moto (l'impianto originale potrebbe non avere i registri della tensione guaina lato motore.In questo caso eseguire le opportune modifiche per poter inserire gli indispensabili registri presenti nel kit).Sarà necessario tagliare guaine e cavi alla misura corretta.
Fig.8
L'immagine mostra il percorso corretto dei cavi con il corpo farfallato a riposo (motore al minimo). La mancanza nella foto della carrucola lascia intravedere il foro di riferimento "T" che servirà per la fasatura. Il cavo "U" apre la farfalla, il cavo "S" la chiude.
Fig.9
La taratura si ottiene registrando prima il cavo"S"(Fig.8). Ruotare la ghiera "Z"(Fig.9) in senso orario in modo da tendere il cavo.Il foro "V" deve risultare allineato al foro "T" (Fig 8) "(verificare inserendo un perno diametro 1,8mm, es.una punta da trapano). Tendere successivamente il cavo "U"(Fig 8). Attenzione a non eccedere nel tiraggio per non compromettere la scorrevolezza dei cavi.Provare adesso a unire i due dispositivi (Fig.11), tenendo sempre chiusa la manopola del gas.Se la taratura è eseguita correttamente l'innesto deve avvenire senza difficoltà, e il feeling azionando l'acceleratore deve essere uguale all'impianto originale. Azionare più volte l'acceleratore ruotando lo sterzo a destra e sinistra in modo da assestare il sistema.Il comando gas dovrà risultare sempre scorrevole.Rodate il sistema accelerando 10 volte. Aprire il dispositivo e verificare che la fasatura della ghiera "Z" (Fig.9) sia ottimale. Affinare la taratura se necessario. Tarate adesso l'acceleratore di scorta (Fig.1) seguendo le procedure sopra descritte.Se il lavoro è stato eseguito bene, potrete cambiare un comando con l'altro in un minuto, senza necessità di eseguire alcuna registrazione.