Home >>> Accessori Moto >>> Linea Racing >>> Sensori Cambio

SENSORI CAMBIO

Il sensore del cambio ACCOSSATO è stato studiato per garantire la possibilità di regolazione della sensibilità della cambiata in base alle esigenze del pilota e del cambio della propria moto.

Grazie ad un studio dei nostri tecnici che seguono i piloti in pista è stato realizzato questo prodotto per soddisfare le richieste più esigenti, il sensore è disponibile sia in trazione che in compressione ed è fornito senza aste del cambio;

Il prodotto è universale alle più diffuse centraline come Power Commander e Rapid Bike.

Il sensore del cambio elettronico ACCOSSATO, è stato studiato per garantire la possibilità di regolazione della sensibilità della cambiata in base alle esigenze del pilota e del cambio della propria moto.

Disponibile in due diverse tipologie:
- Sensore cambio in compressione
- Sensore cambio in estensione

Scelta del sensore cambio elettronico


Essendo presenti sul mercato diverse pedane con leveraggi cambio modificati e/o invertiti, bisogna esaminare il movimento dell’asta del cambio per capire se bisogna ordinare il sensore in compressione oppure in estensione

Funzionamento sensore cambio Accossato

Il sensore cambio deve essere abbinato a una centralina, in grado di gestire il segnale del cambio elettronico.
Il dispositivo fornisce alla centralina un segnale normalmente aperto (NA), la quale provvede a tagliare l'alimentazione al motore per consentire l’inserimento della marcia superiore.
In questo modo il pilota può azionare il cambio, tenendo il gas aperto e senza azionare la frizione.
Questo permette di ridurre al minimo i tempi di cambio marcia.

Regolazione della sensibilità del sensore
Per regolare questo tipo di sensore è necessario avvitare/svitare le viti (1) che agendo su delle molle ne aumentano o diminuiscono il carico.
Se le viti vengono avvitate il sensore richiede una forza maggiore per essere azionato, viceversa svitandole le molle si distendono e il sensore risulta più “morbido”.
E' importante per il corretto funzionamento del sensore che le viti vengano strette o aperte sempre nello stesso modo (ad es. ¼ di giro sulla superiore e ¼ di giro sulla inferiore), questo consente alle 2 parti mobili di poter sempre scorrere parallelamente sui perni evitando che si creino degli attriti e conseguente indurimento del sensore.
ATTENZIONE: non è necessario l’utilizzo di frenafiletti. Apposite guarnizioni e sfere, evitano che le vibrazioni modifichino lo posizione delle viti di registro (le guarnizioni / sfere non devono mai uscire dalle loro sedi, se questo dovesse avvenire il sensore potrebe non funzionare correttamente). Rimontare questi elementi risulta complesso
Sensore di estensione
Per regolare questo tipo di sensore è necessario avvitare/svitare le viti (1) che agendo su delle molle ne aumentano o diminuiscono il carico. Per avvitare e svitare le brugole è necessario prima svitare i grani (2). E' importante per il corretto funzionamento del sensore che le viti vengano strette o aperte sempre nello stesso modo (ad es. ¼ di giro sulla superiore e ¼ di giro sulla inferiore), questo consente alle 2 parti mobili di poter sempre scorrere parallelamente sui perni evitando che si creino degli attriti e conseguente indurimento del sensore.
Portare il sensore al carico desiderato e inserire nuovamente i grani avvitandoli a battuta, questo per evitare che le brugole si svitino e il sensore perda la sensibilità desiderata dal pilota durante l’utilizzo della moto.
ATTENZIONE: non è necessario l’utilizzo di frenafiletti in quanto il bloccaggio delle brugole è garantito da un corretto serraggio dei grani

Documentazione tecnica


Dimensioni sensore:
AG_SENS-01: 43x26x10
AG_SENS-02: 44,5x22x10
Peso sensore:
AG_SENS-01: 30 g
AG_SENS-02: 25 g
Range di carico del sensore:
AG_SENS-01: min. 4 Kg – max. 25 Kg
AG_SENS-02: min. 3 Kg – max. 30 Kg
Il sensore viene venduto con 25 cm di cavo e come terminale utilizza un conettore femmina con 2 connettori in linea Mini Universal MATE-N-Lok (vedi immagine fondo pag). Su richiesta si può avere anche 0,8 m di cavo libero con il connettore maschio corrispondente già cablato, da collegare ai cavi in uscita della centralina (cod AG_CAV08).
Documentazione tecnica specifica del microinterruttore utilizzato:
• Azione di commutazione: Momentanea • Configurazione contatto: N.A. • Durata: 105 operazioni • Forza di azionamento: 3N • Portata contatti: 50mA a 50 V (max) - 1mA a 20V (min) • Resistenza contatti: 50mΩ • Temperatura esercizio: -40/90°C
Es. connettore femmina
A= 7,5 mm
B= 24,5 mm